Newsletter n. 3 / novembre 2020

Ben ritrovati!
In questo tempo incerto e pieno di sospensioni, sentiamo importante continuare a scambiarci quanto stiamo vivendo; se il distanziamento ci impedisce di trovarci, non possiamo impedire al cuore di raggiungerci, per custodirci reciprocamente.

Guardando indietro alla nostra estate, come per molti, anche qui pian piano la vita è ripresa e ci siamo lanciati con gioia in una forma nuova di accoglienza: le ‘vacanze in Mariapoli’. Abbiamo ospitato infatti varie persone e famiglie per alcuni giorni di riposo tra luglio e agosto, occasione per visitare i luoghi della nascita del Movimento, la Mostra ‘Chiara Lubich-città mondo’ e le tante bellezze che il territorio offre: dalle montagne ai laghi, dai castelli ai musei. Un’esperienza molto bella che ci ha fatto sperimentare la gioia di sentirci una famiglia.

L’ospitalità al Centro Mariapoli è continuata poi nei mesi di settembre ed ottobre per diversi gruppi e piccoli incontri. Volendo continuare la ripresa con nuova speranza e lo sguardo puntato in avanti, pensavamo di offrire anche la possibilità di trascorrere le ‘Festività in Mariapoli’ e cioè le Feste di dicembre/gennaio in un ambiente suggestivo e stimolante.

Ora, come sappiamo, è iniziata una nuova fase, molto diversa, che ha visto – qui al Centro – la cancellazione dei vari appuntamenti di novembre e grande incertezza per i prossimi mesi…
Cosa sarà per noi, per tutti? Ce lo stiamo chiedendo tutti e vorremmo aiutarci a guardare ancora una volta e ancora più positivamente al futuro. E’ questo, sotto certi aspetti, un periodo ‘prezioso’, un tempo per prepararci a nuove sfide ma anche per rifocalizzare il nostro punto di partenza e di arrivo: la Fraternità. Siamo convinti infatti che se cogliamo quest’ occasione, da questo 2020 pieno di dolore e sofferenza, ne usciremo fortificati, cambiati profondamente, così come nel 1943, dal buio della guerra, una Luce di speranza è partita da questa città e ha raggiunto ogni punto della terra ed ognuno di noi.

Eccoci di nuovo invitati a puntare a ciò che è veramente essenziale: ripartire dalle relazioni, prestare attenzione a chi ci passa accanto (non solo in luoghi fisici ma anche quelli del cuore), cercare chi è ammalato, solo o in difficoltà, prendendoci cura l’uno dell’altro, come suggerisce Papa Francesco nella “Fratelli tutti”.

La vita ci offre dunque una nuova occasione per andare avanti e non lasciarci fermare dall’onda lunga della negatività. Reagiamo insieme con forza innescando la creatività: proprio adesso progettiamo, inventiamo, guardiamo lontano come chi sa che lo attende un grande futuro. Anche per il nostro Centro Mariapoli vogliamo ipotizzare nuove soluzioni e prospettive e saremmo felici di avere le vostre proposte su piste di lavoro, ambienti e persone da coinvolgere.

Grazie a ciascuno/a e un saluto speciale da tutti dello staff del Centro Mariapoli ‘Chiara Lubich”

gibiedoppiaw